News

COVID-19 - SINTESI DEL PROTOCOLLO CONDIVISO; PAESI A RISCHIO E RIENTRO DALLE FERIE: PROCEDURA
2/9/2020

COVID-19: PROROGA STATO DI EMERGENZA E SINTESI DEL PROTOCOLLO CONDIVISO

Il Consiglio dei Ministri, ha approvato il 29 luglio scorso un decreto-legge che introduce misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da COVID-19 deliberata il 31 gennaio 2020. Il testo proroga, dal 31 luglio al 15 ottobre 2020, lo stato di emergenza cioè le disposizioni di cui ai decreti legge nn. 19 e 33 del 2020 che consentono di adottare specifiche misure di contenimento dell’epidemia.

Pertanto a causa del permanere dello stato emergenziale, riproponiamo in calce una Sintesi del Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19, che grazie al suo formato schematico e contenuto (una pagina) consigliamo di appendere all'ingresso dell'azienda e comunque nelle aree più consone ad una maggiore visibilità.

Si conferma l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi aperti al pubblico e all’aperto ogniqualvolta non sia possibile rispettare il distanziamento sociale, viene ribadito il divieto agli assembramenti e di favorire un frequente lavaggio delle mani.

COVID-19: PAESI A RISCHIO E RIENTRO DALLE FERIE: PROCEDURA

Alla luce dei recenti sviluppi negativi dell'emergenza sanitaria legata al covid-19 in alcuni paesi europei oggetto di destinazione dei flussi turistici da e per il nostro paese (Grecia, Spagna, Croazia e Malta), richiamiamo l'attenzione alle misure contenute nell' ordinanza del Ministero della Salute n. 27007 dell'12 agosto 2020 che, a far data dal 13 agosto 2020, stabilisce: “Obbligo di sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine, ove possibile, ovvero entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento; in attesa di sottoporsi al test presso l’azienda sanitaria locale di riferimento le persone sono sottoposte all’isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora”.

Il nuovo Dpcm proroga inoltre l’ordinanza del ministero della Salute del 30 giugno 2020, con la quale l’Italia ha scelto la linea della prudenza mantenendo in vigore l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per tutti i cittadini provenienti dai Paesi extra Schengen e l’ordinanza del 9 luglio 2020, con la quale si è disposto il divieto di ingresso e di transito in Italia alle persone che nei quattordici giorni precedenti hanno soggiornato o sono transitate nei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana. Al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria, sono sospesi anche i voli diretti e indiretti "da" e "per" i Paesi citati.

Tutte le informazioni aggiornate relative a “Cittadini Italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia” sono comunque disponibili nel sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale consultabile cliccando al seguente link: https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html

Occorre in tal senso sensibilizzare i dipendenti che nel caso della pandemia, non entra in gioco solo l'interesse del datore di lavoro "a ricevere regolarmente la prestazione lavorativa dedotta in contratto" bensì anche l'interesse, di ben più ampia portata, della tutela della salute pubblica, in generale, e della comunità dei colleghi di lavoro, in particolare. Alla luce di quanto sopra, il lavoratore, pur nel fruire liberamente del proprio periodo di ferie dovrà tenere rigorosamente conto degli obblighi di quarantena previsti dall'ordinamento italiano (sia nazionale che locale).

Torna all'elenco delle news

Questo sito utilizza i cookie. Se prosegui la navigazione accetti il loro uso. Informativa estesa